La pittura tattile e stratificata di Pietro Geranzani

0
204

Una volta c’erano le quadrerie, ma al giorno d’oggi se per la tua mostra riempi di quadri le pareti della galleria come fosse un suk ti danno di pittoraccio dei Navigli e hanno ragione. Eppure, come dicevano gli Antichi, audax vicit. Pietro Geranzani  ha interpretato le pareti della galleria Area35, dove è in corso la sua personale milanese, alla stregua delle pagine di un libro. Risultato: una mostra estremamente movimentata, dove i quadri non sono appesi secondo tradizione -quote medie di riferimento per l’altezza da terra, formati minori a-metà-grosso-modo di quelli maggiori et cetera-, ma disposti in modo tale che ognuno di essi partecipi all’ordinamento generale della mostra. Ricordate il Padiglione Italia all’Arsenale nella Biennale veneziana del 2011, dove le opere erano appese financo a diversi metri da terra tanto era pieno lo spazio? Bene, lasciate perdere l’effetto magazzino e pensate piuttosto agli allestimenti “creativi” di Wolfgang Tillmans. La personale di Geranzani spiazza l’osservatore appena varca la soglia della galleria: le opere, dai formati più varii, da due metri per due e mezzo e oltre a 50×70 cm (prezzi da 18000 a 4400 €), sembrano disposte in maniera randomica ma la “follia” dell’ordinamento ha un metodo. Quadri, tanti quadri, rigorosamente senza cornice, con la pittura che deborda sui lati, collocati ad altezza terra o ad altezza cielo ma senza l’horror vacui: la mostra respira che è una meraviglia ed è un tributo agli aspetti materici della pittura. Siamo al di là dell’immagine, ma non per via d’astrazione: gli elementi figurativi e astratti concorrono tutti  alla costruzione di una forma. Concrezioni e grumi per una pittura tattile, stratificata, vibrante e vitale come carne appena spellata.

[slideshow_deploy id=’111189′]

_____________________________________________________________________

Pietro Geranzani – In flore furoris
(testi critici di Rolando Bellini, Luca Ferri, Maurizio Temporin e Erica Tamborini)
Area35 Art Gallery
via Vigevano 35, Milano
3 marzo – 7 aprile 2016

Articolo precedenteAltro che i libri di oggi. Si ristampino i classici
Articolo successivoVito Teti: “La criminalità non è separabile dalla storia politica nazionale”
Emanuele Beluffi
Milanese, dal 2008 cura mostre d'arte e scrive per i relativi cataloghi; nel 2009 inventa una rivista di critica d'arte (“Kritika”, con l’artista Mihailo Karanovic e il critico Stefano Mazzoni). Dal 2018 è responsabile di redazione a Il giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ha scritto di arte su magazine specializzati. Autore, con Flaminio Gualdoni, della monografia sull’artista Andrea Mariconti per conto della galleria milanese Federico Rui Arte Contemporanea (Skira editore, 2012). Nel 2016-17 collabora alla campagna elettorale di Stefano Parisi come coordinatore del Gruppo Cultura di Energie PER l'Italia, organizzando la parte culturale del programma politico. È stato promotore editoriale (editrice Mursia), archivista in Fondazione Biblioteca di via Senato e Biblioteca d'Arte del Castello Sforzesco, agente editoriale (Librimport, libri illustrati d’importazione) entrando in contatto con svariate agenzie di comunicazione come Armando Testa, Lowe Pirella, Ogilvy, Leo Burnett et cetera e redattore in un'agenzia di pubblicità specializzata.