Barrette digitali, i neologhi convergenti Tim ed Enel

0
194

Fibra Enel al posto di Telecom? Un refrain che puntualmente torna ogni 10 anni, infiamma per 6 mesi poi partorisce un test cui partecipano tutti lasciando le cose invariate.

Nell’era digitale, non esiste più l’autonomia dell’analogico. Il servizio universale telefonico senza elettricità non c’è più.

A gennaio Enel e Telecom, entrambi, hanno cambiato logo, tutte e due passando da fiamme ed onde a statiche barrette. Come se l'”ovunque chiunque comunque” connesso ed energizzato fosse rappresentabile più da uno statico status di movimento perenne che da un moto limitato che presuppone pause di stasi prima e dopo.

I loghi, ed ancor meglio i loro cambiamenti sono un grande momento – ed investimento- pubblicitario, che hanno sicuramente fatto felice l’agenzia Interbrand per Telecom e, fra le altre, Huge e Wolff Olins, per Enel. Qualche milione in piani aziendali miliardari non pesa più di tanto ed offre, in tempi di magra, consolatori momenti creativi ai manager. Speriamo allargati ai rinnovi contrattuali….

Certo, ci sono marchi che non cambiano da 100 anni , altri che finiscono per influenzare, fino alla somiglianza, i nuovi brand grafici. A prima vista comunque consola che le due grandi aziende messe e mosse l’una contro l’altra, almeno dai gestori del dibattito politico digitale, alla fine abbiano convenuto sull’uso delle barrette diseguali, differenziandosi solo per colori vivi e smorti, e per posizioni orizzontali, oppure un pò verticali e non.

Bit ed elettricità sono prodotti ugualmente invisibili, inodori, impalpabili che fanno sentire i loro effetti solo per scariche e (forse) magnetismi a parte i servizi finali erogati. Nella convergenza pubblicitaria forse ci ha rimesso l’anima elettrica.

Quanto a quella Tlc, vengono alla memoria certe copertine della vecchia rivista aziendale Tim Tam, risalenti al tempo in cui Tim era spa distinta da Telecom spa. Ah! avere registrato il copyright del disegno del quaderno del bimbo bolognese tifoso dei colori del football felsineo !