Niccolai, il missino anticasta quarant’anni prima del M5S

0
22

Anticasta – nel ’68, appena eletto, sconosciuto, scrisse a Pertini un’accorata missiva contro i privilegi dei deputati “Non è tempo, per chi è al vertice della cosa pubblica (…) di lasciarsi cullare sull’onda di facilitazioni. Il cittadino ci giudica soprattutto da queste cose. E sono questi episodi che fanno aleggiare sul Parlamento un’aria di sospetto e di disistima” – e antimafia – le sue battaglie nella Commissione Antimafia trovarono le lodi persino di Leonardo Sciascia -. Sobrio, colto, di grande rigore morale e, insieme, contemporaneo e coerente. Uomo integro, dirigente di partito e deputato tutto d’un pezzo, fu oppositore di Almirante; sognava un Msi nuovo e non un partito museo. Di questi tempi è difficile credere che ci si stia riferendo ad un politico. Eppure è così. Giuseppe ‘Beppe’ Niccolai fu uomo d’avanguardia ed esempio di tradizione. Oggi, la sua storia torna a vivere nelle pagine di “Beppe Niccolai. Il missino e l’eretico” (Eclettica Edizioni, pp.384, Euro 18) dello scrittore ed editore Alessandro Amorese: “L’apertura di archivi (anche personali), ritrovamenti di documenti inediti, mi hanno portato a dover riscrivere, integrando. Ora la storia di Niccolai è completa”. Una seconda edizione ampliata ed impreziosita dalla prefazione di Gennaro Malgieri

Articolo precedenteUmberto Eco? Un reazionario!
Articolo successivoCon Guidetti prove di streaming
Emanuele Ricucci, classe ’87. È un giovanotto di quest’epoca disgraziata che scrive di cultura per Il Giornale ed è autore di satira. Già caporedattore de "IlGiornaleOFF", inserto culturale del sabato del quotidiano di Alessandro Sallusti e nello staff dei collaboratori “tecnici” di Marcello Veneziani. Scrive inoltre per Libero e il Candido. Proviene dalle lande delle Scienze Politiche. Nel tentativo maldestro di ragionare sopra le cose, scrive di cultura, di filosofia e di giovani e politica. Autore del “Diario del Ritorno” (2014, prefazione di Marcello Veneziani), “Il coraggio di essere ultraitaliani” (2016, edito da IlGiornale, scritto con A.Rapisarda e N.Bovalino), “La Satira è una cosa seria” (2017, edito da IlGiornale) e Torniamo Uomini (2017, edito da IlGiornale)