Il richiamo della natura lontano dalla modernità

0

Imbrigliare la natura. Selvaggia ed elegante. La base perfetta per fuggire dalla velocità siderale, per ripensare la propria identità, la culla. Cogliere il paesaggio di notte, inquadrando la grandezza del cielo, risucchiando la luminosità estrema delle stelle e insieme l’asprezza del terreno, nudo, naturale. In mezzo, un solitario viandante, le antiche colonne di un tempio o un primordiale mosaico interrato. Un richiamo ancestrale, primitivo, rasserenante. Così Ivan Pedretti, giovane fotografo cagliaritano – già vincitore del Sony World Photography Awards nella sezione “Open Panoramic” nel 2014 – riporta ad una dimensione umana sostenibile, pura, che invoglia alla fuga dal frastuono e dall’oppressione della modernità.

Nella selvaggia terra di Sardegna o nelle lande ghiacciate dell’Islanda, torna la nostalgia, l’Assoluto, lo spirito nei lunghissimi tempi di esposizione. Il paesaggio è ispirazione per la ricerca della virtù nelle serie di “Wild life moments”. Un gettito verso l’infinito, che sembra faccia percepire l’eco della produzione artistica del miglior romanticismo tedesco. Così Pedretti pone una prospettiva per riflettere oltre la competizione  razionale e apre un punto di vista sul Ritorno