Arte e internet: un’alleanza molto creativa

0
88
Vincent Van Blog

La rivoluzione digitale non ha cambiato solo il nostro modo di concepire, produrre, accostarci all’arte. Le nuove tecnologie rendono possibile una fruizione delle opere composita. Lo dimostrano musei virtuali, fruizioni multimediali di opere e percorsi espositivi. «Il mondo è dei creativi, degli artisti, di chiunque sappia sognare, inventare e sforzarsi in ogni modo di far vivere quei sogni e difendere le proprie idee». Lo scrive Danilo Iervolino, in «Now. Strategie per le nuove frontiere del web» (Mondadori, 2015), stimolando una riflessione sull’interconnessione umana attraverso la Rete come cifra di tutto il progresso degli ultimi anni.

Opportunità e interrogativi: quanto tempo impiegava, un tempo, un artista per farsi conoscere e apprezzare? Quanto occorreva per portare all’attenzione di critica e pubblico le proprie opere ed essere su queste giudicato? Pensiamo a Michelangelo o Van Gogh, certo, ma anche a Picasso e Dalì. Era inimmaginabile poter far conoscere così rapidamente, economicamente, efficacemente il proprio lavoro. Ciò induce all’ottimismo sul matrimonio tra arte e rete, veicolo di conoscenza e confronto ma non strumento che appiattisce, offusca, impoverisce.

Articolo precedenteVanni Cuoghi, il cielo sopra il Ghetto
Articolo successivoUna “Tempesta” in stile esoterico
Nato alla Spezia e cresciuto a Sarzana, vive tra Roma e la Corsica. Studioso del movimento cattolico e socialista, collaboratore di Panorama e IlGiornaleOFF, ha scritto "Don Gianni Baget Bozzo. Vita, morte e profezie di un uomo contro" (Marsilio, 2009) e "Il brutto anatroccolo. Moderati: senza identità non c'è futuro" (Lindau, 2014). Ha svolto e svolge attività di portavoce e spin doctor per diverse personalità dell'ambito politico e istituzionale‎. La sua salute fisica e mentale precaria è tenuta in piedi da periodiche visite a Bastia e Ajaccio e dal consumo sistematico di prodotti enogastronomici importati lecitamente dalla Corsica.