Aperitivo con Shakespeare!

0
123

slide1Se siete in cerca di un luogo suggestivo, all’aperto, fresco e fuori dal traffico, dove poter assaggiare del teatro, andate al Globe di Villa Borghese anche di pomeriggio. Nato dal guizzo del suo istrionico direttore Gigi Proietti, al tempo dell’aperitivo potrete conoscere meglio la storia dell’originale teatro elisabettiano. Alle 18 infatti, un’allegra brigata capitanata dalla regista collaboratrice Loredana Scaramella, con l’aiuto delle musiche del trio William Kemp, vi condurrà nelle atmosfere elisabettiane di Eastcheap facendovi frequentare in maniera insolita e gradita questa costruzione teatrale che ha già dieci stagioni alle spalle ed è sempre più gemella di quella londinese.

A proposito di gemelli, è andata in scena in questi giorni al Globe The Comedy of Errors in coproduzione con la Bedouin Shakespeare Company diretta da Chris Pickles, proprio nella sua lingua originale. La Commedia degli Errori è stata scritta tra il 1591 e il 1594. La fonte principale è Menecmi di Plauto. Nel primo e secondo atto è completamente ripresa da Plauto, nel terzo atto si ritrova l’Anfitrione (Sosia e Mercurio) e si fa riferimento ad una città famosa per gli esorcismi (Efeso) in Asia Minore dove: ” dicono di questa città che sia piena di frodi, di abili giocolieri che ingannano la vista, di stregoni che fanno malefizi, di ciarlatani, di saltimbanchi, di libertini” Il plot ruota attorno al naufragio (Rudens di Plauto) e allo scambio di identità. È una commedia leggera, farsesca, di impianto plautino-terenziano. C’è tuttavia il tema del Potere, del rapporto Stato/cittadino ed è una commedia che fa espliciti riferimenti paolini alla fede coniugale. È proprio lo scambio dei ruoli, la moltiplicazione di personaggi, che rende l’intreccio  complesso e fonte di numerose situazioni comiche. I rispecchiamenti e le dinamiche sono tipiche del vaudeville: ironia, gioco reso ancora più brillante dall’idea di affidare a due protagonisti 4 ruoli: 2 Antifoli, 2 Dromi. Antifolo è l’intellettuale il clown bianco, Dromio è il servo, l’augusto.

La commedia è già stata fatta in Italia, si ricordano alcune edizioni: nel ’59 Mario Scaccia e Arnoldo Foà, regia di Mario Ferrero, nel 1983 Giordana-Zanetti. Al cinema si ricorda Hellzapoppin in Grecia da The boys from Siracuse del 1938. L’ambientazione è il Globe stesso. Lo spettacolo presentato è una combinazione ad alta energia: maschere, fisicità, musica. Gli unici effetti sono affidati agli attori.