Giulio Frigo, un concettuale figurativo

0
frigo

“What you see IS NOT what you see”. Dice di non voler polemizzare a cazzo con Frank Stella, ma in fin del conto ha ragione, ce lo diceva anche la nonna che c’è differenza fra essere e apparire. Questo è vero soprattutto in pittura, dove capiamo al volo per quale ragione Immanuel Kant insistesse così tanto sul fatto che la tal cosa che stiamo guardando non è più la stessa quando smettiamo di guardarla.

L’avevamo visto tre anni fa da Francesca Minini con una mostra che fin dal titolo ci aveva fatto pensare a Platone (Chora. In greco: il ricettacolo delle idee e, nel senso immaginifico del Nostro, il terreno d’incontro con la pittura ) e ora, nella stessa galleria milanese, Giulio Frigo torna (fino al 14 novembre) con la personale 360 780nm. Come Umberto Eco coi suoi metatesti, Giulio Frigo strizza l’occhio a quei pochi che sanno: 360 780nm è infatti l’intervallo del visibile, determinabile con particolari misuratori detti spettrofotometri.

Nella fattispecie, qui il visibile è: pittura e colore. Ma non pensiate che, da vedere, ci siano solo quadri appesi alle pareti: 360 780nm di Giulio Frigo è un’esperienza performativa in cui, almeno per una volta, il protagonista non è l’artista ma il medium. E, attenzione, il suddetto medium NON è il quadro, ma il mezzo che ce lo rende visibile: la luce.

FRI-092
GIULIO FRIGO, Stanza 12, 2015, oil on board, 59 x 80 cm

Se nella sua mostra precedente Frigo voleva farci versare un obolo per accedere alla visione di opere emergenti da un lago di tenebra, ora è “sufficiente” che pratichiamo un azzeramento totale delle nostre aspettative sul visibile: varcata la soglia di uno spazio espositivo trasmutato in “beniana” (aggettivazione che desumo impudentemente da Carmelo Bene) macchina attoriale scenica con tendaggi e pareti nerissime e luci studiatissime, ci si apre dinanzi agli occhi l’universo dell’ineffabile. Come diceva Wittgenstein, ciò che non si può dire si può solo mostrare e Giulio Frigo, conscio dei limiti del linguaggio per esprimere il colore e la pittura, ce li mostra nella loro apparenza superficiale nuda e cruda: la luce che bagna a intermittenza e in maniera cangiante porzioni dei quadri serve a questo, ci di/mostra che essi non sono come li percepiamo. Che è un altro modo per dire che la cosa, indipendentemente dalle nostre limitate facoltà conoscitive, non la vedremo mai come essa è in sé e per sé.

 Nulla di astratto, non temiate di vedere monocromi o quadri fatti di linee: Giulio Frigo ci piace perché è un reazionario che difende il figurativo. Solo che per lui la pittura è l’oggettivazione inadeguata di un’idea, un vestito che le mettiamo addosso per poterla vedere: per questo i suoi quadri non sono mai pezzi facili.

Per rendere l’idea -bisticcio di parole da me fortemente voluto -, l’artista cita l’esempio di una camera anecoica, il luogo più silenzioso al mondo da cui è bandita ogni percezione sensibile che non sia il suono del nostro stesso respirare: ecco, visitare 360 780nm di Giulio Frigo è proprio come accedere a questa stanza, da cui si palesa l’intima essenza della pittura, solo e soltanto quella, che sopravviene, sulle pareti nerissime di Francesca Minini, come per autopoiesi.

FRI-093
GIULIO FRIGO Stanza 16, 2015 oil on board 59 x 80 cm
FRI-094
GIULIO FRIGO, Stanza 0, 2015, oil on canvas, 160 x 160 cm
frigo
GIULIO FRIGO, 360 780nm, 2015, Installation view at Francesca Minini, Milano

 

 

Articolo precedenteAndrew Rutt e il migrante salvato dalle acque
Articolo successivoL’uomo che ha incastrato Marino
Emanuele Beluffi
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Ordine Nazionale dei Giornalisti tessera n. 173490. Laurea in Filosofia presso Università degli Studi di Milano, Filosofia del Linguaggio-Orientamento Logico-epistemologico. Responsabile di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e attualmente conservato al Centre Pompidou di Parigi. Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/