Varius multiplex multiformis. Ovvero Ernst Jünger

0
8

junger

Varius multiplex multiformis. Jünger è stato questo e oltre. Difficile sintetizzare, se non per approssimazione e in difetto, un intellettuale capace di traversare per intero le temperie del Novecento, scavandone sentieri e indicando vie. E pure con tanta umiltà che non è in contrasto con la grandezza del pensiero, con l’acume dello sguardo, con la raffinata postura estetica. E’ difficile dire cosa resterà del secolo breve, di tanti altri scrittori e filosofi così già datati, certo che l’anarca di Heidelberg (nato nel 1895 e morto nel 1998 ultracentenario) è una pietra di inciampo da cui non si può prescindere. Eroe pluridecorato della prima Guerra mondiale, poi – dicono i detrattori – ispiratore del Nazismo, poi – dicono gli estimatori – ispiratore dell’attentato contro Hitler, militarista e anche pacifista, narratore e pensatore, entomologo acribioso, viaggiatore instancabile, sperimentatore di droghe ma asceta, sommo maestro esoterico…

Jünger è un continente, spesso lasciato ai tardi epigoni della Rivoluzione conservatrice, recintato nel quadretto di una destra destra che lo ha usato come santino, letto di nascosto dalla sinistra, il cui pensiero libertario, antiborghese, aristocratico nel senso primo del termine, dà però ancora scandalo e andrebbe approfondito in quanto medicamentoso nei confronti della malattia che ancora ci affligge, il nichilismo.

Per questo motivo, è un gradito regalo il volume curato da Luigi Iannone che raccoglie 30 saggi di autori vari e spesso nuovi rispetto una radicata bibliografia jungeriana: ordinari, associati, ricercatori, esperti di settori specifici, giovani studiosi. 500 pagine dense, nello stesso tempo imprevedibili e piene di idee, in cui si ripercorre in modo critico, in alcuni casi senza la consueta e inutile adesione politica, il pensiero di un gigante, soffermandosi sui grandi temi (politico, giuridico, filosofico…) ma cogliendone le sfaccettature minute, analizzando i collegamenti con altri intellettuali del secolo (Mann, Evola, Fischer…), contestualizzandolo nel proprio tempo e aprendolo alla storia del pensiero universale.

_____

> Ernst Jünger
a cura di Luigi Iannone
Solfanelli editore 2015
pp. 514 euro 30,00