Sindaco/vergogna: “ritorna nella fogna”

20
6

Ignazio Marino

È alla frutta Marino! Forse, oltre… Sicuramente non controlla più la lingua, come non controlla – in realtà non lo ha mai fatto – il Comune e tutti i suoi collaboratori.

Ignazio Marino, assasSindaco di Roma, dopo aver ridotto la Capitale peggio di una latrina, si scaglia contro gli uomini di Destra.

LEGGI IL SONDAGGIO: SECONDO GLI ITALIANI MARINO DEVE DIMETTERSI

Come tutti i cittadini romani, vede topi dappertutto. Come dargli torto? Dal Campidoglio al Quirinale, sorci ce n’è di tutte le razze e specie. Ma il problema è che il biciSindaco, di quei roditori non vuole ammettere l’esistenza. E, da buon sinistro sinistrorso, li va a cercare dove non ci sono.

Fascisti, carogne, tornate nelle fogne! Così avrà sloganato per anni, nascosto dietro agli striscioni arcobaleno quanto lui, che di colori ne deve aver masticati abbastanza. E quello slogan deve essergli rimasto attaccato all’ugola proprio durante l’ultimo gaypride, al quale si è consegnato mentre la città che amministra assieme agli indagati di mille porcherie veniva saccheggiata dai nuovi barbari. Saraceni sparsi nei giardini pubblici, mafiosi spalmati nelle stanze del potere, zingari padroni delle strade e dei metrò, sudamericani signori dei bus, spazzatura impastata all’aria dei Fori…

LEGGI L’ARTICOLO: TUTTI I DISASTRI DI IGNAZIO MARINO

Ma il sindachicchio si produce in cazzate post sessantottine, provocatrici e pericolose. O, forse, considerando il latrinaggio di cui si è macchiato in così poco tempo, lancia semplicemente una richiesta di aiuto: tornate nelle fogne, potrebbe significare, riprendetevi il Campidoglio, che noi abbiamo ridotto ad una cloaca piucchemaxima…

Che sia una anticipazione di dimissioni? Roma lo vuole!

20 Commenti

  1. Mi domando perché lo chamate Politico!!!!ui.al masimo,potrebbe fare il Direttore del Gay Pride!!!!

  2. o la faccenda delle doppie fatture e’ una bufala o la destra italiana e’ una cagasotto!

  3. Questo è un marziano, il peggiore di tutti , pensavo che Rutelli ,Veltroni e Alemanno fossero il massimo.
    La città più tassata , con i trasporti ridicoli ,la monnezza per strada e i criminali, clandestini e i nomadi che appoggianoo questo emerito ebete , pure comunista. che schifo.

  4. Sarà per questo che si è messo di impegno a trasformarla. Vuole renderla una fogna per non costringere i cittadini a spostarsi. Tra assunzioni ad personam di personaggi indagati ed arrestati, tra presa in carico nella giunta di una parlamentare per lasciare il posto in parlamento all’indagato Di Stefano, i registri di matrimoni gay. l’offerta di case ai rom: per non parlare di affittopoli. E sto tralasciando l’incuria della città tra strade dissestate e rifiuti abbandonati. Il rimedio per le strade è mettere delle limitazioni di velocità motivandole con il fatto che la strada è dissestata. Mi sembra, insomma che ci stia mettendo parecchio del suo per livellare le condizioni di vità dei romani. Tutti nella fogna.

  5. Colpa di quei romani che non sono andati a votare ( piú del 50 %), permettendo a questo falsario, marchettaro di diventare sindaco. Tutti sapevano che rubava anche sui rimborsi spese delle aziende per cui lavorava, per questo lo hanno cacciato come ladro. Ma tant´é si é dichiarato di sinistra, quindi le sue ruberie sono state nascoste come per tutti gli adepti della chiesa marxista. Adesso che é alle corde si svela per quello che é : un fasullo leccaculo, le cui uniche uscite rimarchevoli sono le flatulenze con le quali urta i pantaloni.

    • Gentile Paolo, ho studiato molto la questione in passato e ho insegnato deontologia e diritto dell’informazione all’università. Le assicuro che non ci sono gli estremi per la querela. L’articolo di Nino Spirlì si incardina perfettamente nel “diritto di critica” che è un esimente specifica prevista dal codice penale al reato di diffamazione. Il commento di Spirlì, pur duro, rispetta la continenza verbale prevista dal codice penale e si situa all’interno di un contesto politico già deteriorato e in un contesto penale già ampiamente chiarito dalla cronaca, in cui il commento può lecitamente assumere toni più coloriti.

  6. Roma è uno schifo La capitale e sgovernata da un komunista ed ho detto tutto

  7. […] ILGIORNALEOFF Riproduzione riservata – ©2015 Qelsi Quotidiano jQuery(document).ready(function () { jQuery('#respond').prepend('Inviando un commento accetti le condizioni sulla Privacy. Dichiari, inoltre, di aver letto e compreso il regolamento sui commenti. Altresì ti assumi piena responsabilità per il commento che rilasci.'); }); […]

  8. Siamo un popolo di cazzari e ci meritiamo sia emerite nullita’ come marino che emeriti incapaci ( nel migliore dei casi) come la nostra classe dirigente
    onorevoli senatori, portaborse e le migliaia e migliaia di parassiti che campano sulla nostra imbecillita’……….e fanno bene !! Con un popolo come quello italiano che si fa martoriare, si fa torturare, rompere il culo con
    tasse assurde, e proibizioni( come quella dei 990 euro massimi che si possono ritirare dalla banca) ancora piu’ assurde e incomprensibili, cosa
    ci vogliamo lamentare se NON SI DA IL VIA AD UNA VERA E PROPRIA RIVOLUZIONE?? COMINCIAMO CON UN MESE DI SCIOPERO GENERALE, e forse quando i culi dei nostri politici non potranno sedersi sulle odiose ed odiate auto blu per mancanza di benzina, inizieranno a capire ed avere paura. Nel frattempo i nostri giovani, quelli che dovrebbero prendere l’iniziativa, non trovano di meglio che accoltellarsi fuori dallo stadio per il
    derby.E loro ridono e ingrassano alle spalle di un popolo imbecille……

  9. “Fra le altre irregolarità abbiamo scoperto una serie di richiestre di rimborso spese, deliberatamente e
    intenzionalmente doppia, all’UPMC e alla filiale italiana”…”Avendo finora completato solo una visione
    parziale dell’ultimo anno fiscale, l’UPMC ha scoperto circa 8.000 dollari di doppie richieste di rimborsi
    spese”.

  10. E’ incomprensibile come sia diventato sindaco di Roma! O meglio, e’ chiarissimo … oggi!

  11. caro sindaco di Roma (ex capitale) io sono da sempre un uomo di destra ma Le posso assicurare che non mi sento un ratto destinato alle fogne come con molta classe e intelligenza Lei mi suggerisce,
    se posso permettermi Le darei un consiglio: si faccia prestare dal (sig) Bussi un paio di euro acquisti un bel piffero inizi a suonarlo e con tutti i suoi amici si avvii definitivamente verso quel mare di cacca che tanto Le piace. Con pochissima stima Ermanno.

  12. Una maledizione per Roma e I romani. Eletto da 1/3 dei cittadini, grazie alla loro spudorata e violenta capacità di distruggere ogni opposizione con i mezzi più illeciti possibili, con truffe nei seggi che gli garantiscono un 5-10% pieno – rubato – ad ogni elezione, in conclusione un partito e questo personaggio approvati da meno di 1 romano su 5. Una dittatura legalizzata dal nostro ridicolo sistema costituzionale che fa grasse queste nullità. La città è diventata un Suk, ambulanti con furgoni illegali dappertutto, spazi sui marciapiedi ridotti a file di uno per volta, sporcizia, mendicanti, zingari ladri arroganti e sozzoni, una vera gioia per i comunisti radical nelle loro dorate dimore ma con le pattuglie a proteggerli sottocasa. Vermi, tu e chi ti appoggia, voi dovete andare nelle fogne insieme ai sorci che siete. Addà venì qualcuno che ridia dignità, giustizia e regole a questa nazione. Il decennio – comunista – più orribile della storia di Roma e dell’Italia

  13. Il sindaco Marino dovrebbe capire che i cittadini hanno perso fiducia in lui ed in quelli (rimasti) che lo circondano. Roma è ridotta male e scaricare le responsabilità sulle passate amministrazioni è un atteggiamento che lo fa più debole e “come gli altri”. Per la città di Roma “onestà” non basta ci vuole decisionismo …. e questo è tutto!

Comments are closed.