Umberto Verdirosi, colori primari a caccia di metafisica

0
233

Kant afferma: “Ogni arte che non comunica è fine a se stessa”. Su questa solida base concettuale, si piazza salda e forte l’espressione artistica di Umberto Verdirosi, pittore e attore, figlio d’arte, d’origine piemontese. Un’arte che è messaggio, significato, comunicazione, che indaga e riflette sull’ignoto e sullo spirito, incarnata da un’onnipresente volontà di autentica libertà, scevra da preconcetti e schemi canonici; Verdirosi, moderno e non modernista, per sua stessa definizione, che percorre una strada di ricerca meticolosa, in cui gli oggetti sono subalterni agli individui – che tornano protagonisti – allontanandosi da un’estrema visione materialista. Verdirosi pittore, che accende i colori primari e li rende luce negli sfondi bui, in visioni oniriche in cui si fonde la “quotidiana” realtà razionale e la dimensione metafisica. Poco spazio, forse nullo, è lasciato all’astrattismo concettuale, con uomini pennellati sulla tela, intenti ad affrontare paure e credenze, simboli e momenti, necessità. Il destino, il ritorno, la sorte e l’attesa, arrestando il “passo frettoloso e superficiale” per riflettere sull’intimo, sull’assoluto.

VerdirosiPoi il Verdirosi scultore. Da questi inconfondibili incipit, nasce il “Necrologio del critico d’arte” – definito “antico stronzo”, capace solo di esaltare “artisti defunti” e il Manifesto di Verdirosi, suo personale e accorato j’accuse ai più grandi maestri d’arte del ventesimo secolo, colpevoli, di aver “inquinato” la comunicazione nell’arte.

Un artista maturo e definito che si può racchiudere in queste parole, tratte dal suo libro, Il Buco: “Anche io non amo Fontana, non amo l’astratto, non amo l’impotenza artistica, sono per l’arte che deve far innamorare… Sì, perché il bello innamora e un giovane (fresco di studi) come vuole che si innamori di un taglio, di un concetto che non c’è”.

Verdirosi

Articolo precedenteL’ombra di MafiaCapitale sui musei italiani. Ps. Anna Maria Buzzi non è sorella di Salvatore
Articolo successivoMarinai e naviganti attraccano a Camogli
Emanuele Ricucci, classe ’87. È un giovanotto di quest’epoca disgraziata che scrive di cultura per Il Giornale ed è autore di satira. Già caporedattore de "IlGiornaleOFF", inserto culturale del sabato del quotidiano di Alessandro Sallusti e nello staff dei collaboratori “tecnici” di Marcello Veneziani. Scrive inoltre per Libero e il Candido. Proviene dalle lande delle Scienze Politiche. Nel tentativo maldestro di ragionare sopra le cose, scrive di cultura, di filosofia e di giovani e politica. Autore del “Diario del Ritorno” (2014, prefazione di Marcello Veneziani), “Il coraggio di essere ultraitaliani” (2016, edito da IlGiornale, scritto con A.Rapisarda e N.Bovalino), “La Satira è una cosa seria” (2017, edito da IlGiornale) e Torniamo Uomini (2017, edito da IlGiornale)