Doppia bestemmia su Rai Uno

8
232

di Michel Dessi

Cosa c’entra la Madonna con gli sbagli di Timperi? Non una, ma ben due volte la Vergine Madre è scesa dai Cieli ai prosaici studi di Rai1, imprecata dal principino della conduzione, il Timperi dall’occhio ceruleo, che ha pensato che responsabili dei suoi orrori televisivi fossero la Divina Madre e, molto più prosaicamente, gli attributi genitali di sé medesimo. Vergogna è dire poco, se in altri anni una sola bestemmia è valsa l’allontanamento in eterno dagli schermi televisivi.

Timperi ha giocato il suo ambo contro il Cielo. Erano più o meno le 10 e mezza di questa mattina, di sabato 18 ottobre, quando la Rai stava trasmettendo il consueto appuntamento di fine settimana “Uno mattina in famiglia”. Il conduttore, nel presentare l’ospite di una rubrica fissa si è reso conto di aver sbagliato. A quel punto aveva davanti a sé due strade: quella onesta delle scuse, e quella egocentrica della rabbia. Timperi ha naturalmente optato per la seconda. Parolaccia, bestemmia, nero, ora esatta, gingle. Al Ritorno in studio il dissacratore, e ripete l’orrore pedissequamente. Parolaccia, bestemmia (“po.. M…”), nero, promo di Ballando con le stelle e rientro in studio. Il volto di Timperi rivelava la paura: “mi manderanno a casa?”.

È forse quello che si aspettano molti italiani, sia che paghino il canone, sia che non lo paghino. Dell’apparato genitale di Timperi non interessa a nessuno, ma della Sposa e Madre di Dio forse a molti. Chi crede non bestemmia, ma a maggior ragione non lo fa neanche chi non crede. E soprattutto la bestemmia non è un correttore di un errore. Per altro banale.

Gli ultimi aggiornamenti indicherebbero che non si è trattato di una bestemmia in diretta, ma di un errore di montaggio nell’assemblare parti live e registrate di Uno mattina in famiglia. Timperi avrebbe bestemmiato fuori onda, e la frase incriminata sarebbe stata mandata in onda per sbaglio. Resta il fatto che sentire una bestemmia per due volte su Rai1 non è davvero un esempio virtuoso, né di informazione né di entertainment. [redazione]

  

8 Commenti

  1. Giusto, chi crede non bestemmia e chi non crede non sa perchè lo fa (forse perchè tutti i calciatori bestemmiano). Io non amo e non capisco la bestemmia su qualunque Dio o Madonna, ma un poco di rispetto per noi che crediamo ci vorrebbe e specialmente in rai, visto che non è la prima volta. Chi ha sbagliato venga licenziato.
    fra: allora perchè polemizza? e si ricordi che la buona creanza (se sa cosa sia) non accetta la bestemmia e lo sputo.

  2. Il vero problema della RAI non sono le bestemmie di Timperi dagli occhi cerulei. Il vero problema sono gli occhi neri che la RAI fa agli italiani trasformando l’iniquità del canone in una infame tassa. Questa è la vera vergogna dei parassiti della RAI che vivrebbero solo dei ricavi della pubblicità come fa MEDiASET ma continuano a incassare un surplus di denari pubblici per strapagare persone viscide come Fazio e deficienti come la Littizzetto. Per non parlare del leccapiedi Benigni.

  3. Che notizione, che articoloni….Forse sarebbe stato il caso di occuparsi di quello che dice Franco Di Mare sulla rai e su twitter contro il sesso maschile.

  4. Non vi scrollerete mai di dosso questo velo di cattolicesimo intriso di bigottismo vero?

  5. Io non accetto la bestemmia neanche contro Allah, pur non nutrendo simpatia per gl’islamici. la bestemmia è la forma più rozza ,volgare, irrispettosa dei sentimenti degli altri che possa esistere. Questo timperi è da prendere a calci nel deretano e da bandire dal servizio pubblico,ma conm i tempi che corrono temo che verrà premiato.

  6. secondo me era rivolto alla signora ciccone alias madonna ehehehe e se fosse il contrario beh all’inferno (ahahahaah) ci andrebbe lui, non vedo il problema! anche perchè la figura della madonna, per credenti e non, rimane pur sempre un astrazione imposta dai familiari con il favoreggiamento delle figure cattoliche, sin dalla tenera età! ma se avesse detto porco allah vi sentireste offesi? eppure è lo stesso dio se pur denominato diversamente….però che bello polemizzare! in italia è un arte

Comments are closed.