Anna Di Prospero. Non chiamatele selfie

0
389

L’autoritratto introspettivo della fotografa di Latina.

Anna di ProsperoAnna Di Prospero è una talentuosa fotografa di Latina, classe ’87, vincitrice nel 2011 del titolo Discovery of the Year, riconoscimento che l’International Photography Awards (IPA) assegna ogni anno a un talento fotografico emergente. Di Prospero inizia a farsi conoscere con il nickname P’Anna, condividendo sulla piattaforma virtuale flickr i suoi scatti: “Il sito è stato di grande ispirazione per il mio lavoro e da allora non ho più abbandonato la macchina fotografica” spiega l’artista.

Le fotografie di Di Prospero nascono dalla capacità di osservare i piccoli particolari che si nascondono nella quotidianità, e dalla volontà di approfondire i legami tra l’individuo e lo spazio. Nella ricerca dell’artista ricorre il tema dell’autoritratto, privo del mix letale di ossessione dell’apparire ed egocentrismo che caratterizza i selfie, e utilizzato come strumento d’introspezione e interrogazione continua con se stessi. L’artista inizia a lavorare sulla propria immagine in diverse serie, passando dai ritratti scattati tra le mura domestiche ai Self-portrait at hometown (2009) e Urban Self – portrait (2010-2012) dove di Prospero esplora il mondo che la circonda, proponendo il proprio corpo come medium per misurare lo spazio, ricercando le proporzioni tra le sue forme e quelle degli edifici.

anna di prospero

In “Self-portrait with my family” e “Self portrait with my friends”, l’artista approfondisce il tema degli affetti restituendo l’incanto di un mondo personale. Anna è presente in ogni scatto, ma non è la protagonista. Il soggetto della sua ricerca è il rapporto affettivo, che le permette in ogni immagine di proporre una parte nuova di se stessa. Le fotografie sembrano scattate al di là di un vetro, quasi a voler proteggere e stringere a se i propri amori, con gesti evocativi, tonalità morbide e calde. Uno sguardo malinconico e romantico che ci accoglie nella dimensione personale dell’artista.

Anna Di Prospero

Di Prospero, dopo aver esplorato i propri legami più intimi, sta lavorando a una nuova serie: Self-portrait with strangers, nella quale affronta il tema dello sconosciuto. “Gli sconosciuti sono talvolta persone vicine a me, con le quali avevo in comune dei legami affettivi ma che non avevo mai avuto modo di conoscere. Questo progetto ne è stato il pretesto”, 
racconta la fotografa. Le scene sono curate in ogni dettaglio attraverso uno studio attento delle luci, delle inquadrature, dei soggetti e dei luoghi, Di Prospero riesce ad infondere piccoli frammenti di vita in uno scatto.

Anna Di prospero