Angelo e Beatrice due brigatisti senza destra e sinistra

0
231

di Michele Fidati

Due vicini di casa. Una coppia di innamorati. Due terroristi. Ma gli altri non lo sanno…

L’Italia degli anni ’70. Gli anni di “piombo” nei quali la contestazione contro i poteri forti si trasforma in rappresaglia e terrorismo. La rivoluzione delle frange sul finire del miracolo economico. E la grande musica dei cantautori italiani che si contrappone alla lotta, alle stragi efferate.
È il contesto nel quale ” Angelo e Beatrice ” vivono la loro storia. Una coppia di terroristi che condivide, oltre all’amore, anche e soprattutto il desiderio della rivolta armata contro il potere.

In un vortice di sensazioni contrastanti, Angelo e Beatrice pianificano, mettono a punto, fatti sempre più eclatanti. Il loro sentimento e’ violento come le azioni che compiono. Ma la  loro intesa viene messa alla prova dalla  titubanza di uno e l’efferatezza dell’altra. E lo spettatore è catturato e inesorabilmente trasportato in quel loro mondo fatto di ideali e caos. Personale e sociale. La passione dei protagonisti verso gesti clamorosi e sempre più cruenti fa riflettere su un passato dell’Italia ancora irrisolto. Forse per volere politico. Il testo ci accompagna nella riflessione e, incredibilmente, nella immedesimazione. Non c’è una connotazione politica dei personaggi: possono appartenere all’eversione di Sinistra o di Destra.  Non è quello, il fatto importante. Ma la comunione di intenti delle due ideologie nell’azione eversiva.

E le pagine buie della storia d’Italia di quegli anni anni arrivano come istantanee, mentre Angelo e Beatrice (Veronica Milaneschi e Michele Botrugno) vivono la loro avventura sulle tavole del palcoscenico.
… Mentre la storia d’amore dei personaggi ha nel finale un risvolto amaro.

” Angelo e Beatrice” di Francesco Apolloni con la efficace regia di Massimiliano Caprara, al Sidecar di Roma (un nuovo spazio polifunzionale ricavato nell’ex rifugio anti aereo della 2^ guerra mondiale)  in scena fino a domenica 15 dicembre e per tutto il mese di Gennaio.